Nuovo sistema elettorale e vecchi dubbi: cosa cambia (o non cambia) col Rosatellum bis?


Il Parlamento è stato sciolto e si voterà il 4 marzo 2018. Ma con quale legge elettorale? Il cosiddetto Rosatellum bis, la legge elettorale promossa da Ettore Rosato, capogruppo PD alla Camera dei Deputati, e approvata definitivamente lo scorso ottobre, è un sistema misto, in cui il 36% dei seggi viene assegnato con sistema maggioritario (in ogni collegio gareggiano un candidato per ogni partito e vince chi tra loro prende anche solo un voto in più) e il 64% con sistema proporzionale (in ogni collegio ciascun partito presenterà un listino composto da due a quattro candidati, che si scontreranno con i listini degli altri partiti). Il “bis” associato al nome del sistema elettorale deriva dal fatto che precedentemente lo stesso Rosato aveva proposto un sistema anch’esso misto (50% maggioritario e 50% proporzionale), detto appunto Rosatellum, che però era naufragato sul nascere.

Come nel precedente sistema Mattarellum, la legge elettorale che fu in vigore dal 1993 al 2005, e nella successiva legge Calderoli (conosciuta come Porcellum, in vigore dal 2005 al 2014), anche nel Rosatellum bis rimane in vigore una rilevante distinzione tra il metodo di elezione dei deputati e quello dei senatori. L’articolo 57 della Costituzione, infatti, impone l’elezione dei senatori su base regionale, mentre l’assegnazione dei seggi della Camera rimane effettuata su base nazionale. Viene così di fatto lasciata intatta la dicotomia tra i due sistemi, che in passato aveva creato governi con “maggioranze zoppe”, ossia esecutivi che potevano non avere una maggioranza in una delle due camere, limitando in questo modo la governabilità del paese.

Quanto allo sbarramento, perché un partito possa entrare in Parlamento, il Rosatellum bis prevede una soglia minima del 3% su base nazionale sia al Senato che alla Camera. In aggiunta è però prevista anche una soglia minima del 10% per le coalizioni di partiti, all’interno delle quali almeno una lista dovrà superare il 3%. Per ciò che attiene la parte proporzionale di questo sistema elettorale è bene sottolineare la presenza delle cosiddette liste bloccate, cioè nelle quali saranno i partiti a nominare la maggior parte dei candidati. Questa è una scelta che per alcuni costituzionalisti sarebbe in contrasto con le indicazioni  della sentenza n. 1 del 2014 della Corte Costituzionale, che bocciò i listini bloccati dell’allora Porcellum, poiché non garantivano la possibilità, da parte dell’elettore, di poter scegliere chi votare esprimendo la propria libera preferenza.

Gli italiani saraano chiamati alle urne il 4 mrzo 2018 (Niccolò Caranti/CC BY-SA 2.0).

Dopo la parentesi del cosiddetto Italicum – bocciato dal referendum costituzionale l’anno passato – che premiava le singole liste, tornano inoltre in auge le coalizioni, con le quali i partiti potranno raggrupparsi per sostenersi a vicenda, avendo però la possibilità di scioglierle dopo le elezioni. Ciò potrebbe minare non poco la certezza del voto e la conseguente ricerca di una maggioranza stabile.

Altra novità interessante, anche per le conseguenze politiche, sarà che il voto verrà espresso su una sola scheda (e non con una scheda per la parte proporzionale ed un’altra per quella maggioritaria come prima) senza possibilità di voto disgiunto. Non si potrà cioè votare il candidato dei “Bianchi” presente nella parte maggioritaria e poi scegliere, nella parte proporzionale, il partito dei “Neri”.  Ciò di fatto toglierà agli elettori la libertà di scegliere un partito separatamente da un candidato, obbligandoli a scegliere un abbinamento fisso.

Ma quali saranno le ripercussioni sui partiti dopo le elezioni col nuovo sistema? Le larghe intese potrebbero essere l’unica speranza per un governo stabile, ma secondo le stime dei ricercatori dell’Istituto Carlo Cattaneo, anche con questo sistema nessun partito o coalizione riuscirà a ottenere la maggioranza assoluta alla Camera. Per il Partito Democratico, che ha fortemente voluto questa legge, il saldo sarebbe in ogni caso negativo poiché, nonostante possa guadagnare 20 seggi, rispetto alle scorse elezioni sarebbe comunque prevista una riduzione di ben oltre 100 seggi. Al contrario, il Movimento 5 Stelle risulterebbe perdere 24 seggi, ma ne otterrebbe in ogni caso circa 60 in più rispetto alle elezioni del 2013. Sfonda invece la destra con la Lega, che passerebbe dagli attuali 20 seggi a 89, e anche Fratelli d’Italia raddoppierebbe, passando da 10 a 20 seggi. In questa maniera la coalizione di centrodestra supererebbe il Movimento 5 Stelle e il PD.Gli altri partiti della sinistra, nel caso si presentassero uniti, otterrebbero invece poco più di 20 seggi. I piccoli partiti risulteranno quindi fondamentali soprattutto dopo le elezioni, nel caso, molto probabile, in cui le compagini che formano le coalizioni dovessero cambiare. Al Senato è infatti prevedibile un distacco minimo in numero di seggi tra i primi due partecipanti al voto, cosa che farebbe dei piccoli partiti i proverbiali aghi della bilancia in grado di spostare gli equilibri della maggioranza.

Una buona legge elettorale dovrebbe cercare di conciliare due aspetti fondamentali della vita politica di un paese: governabilità e principio di rappresentanza. Il Rosatellum bis, come le precedenti leggi elettorali, segue la bandiera della governabilità a tutti i costi (senza comunque raggiungerla), tralasciando nuovamente il legame, che dovrebbe essere più forte possibile, tra gli eletti e i loro elettori. E’ infatti la contiguità tra il rappresentante e il suo bacino elettorale di riferimento ad generare nel primo quel senso di responsabilità, quella spinta positiva a compiere il proprio operato con disciplina e onore, come recita l’art. 54 della nostra Costituzione, che dovrebbe guidare il mondo della politica. Ad ogni modo, attendiamo fiduciosi di essere smentiti dai fatti.

 

In copertina: foto di Agenziami (Flickr/CC BY-SA 2.0)


Tag: , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti