Non solo tango – Il pescatore di “caramelle”


/continua

Daniel vive affittando libri. Tra il 1976 e il 1983 ha vissuto in Italia, al tempo della dittatura dei generali. Ha fatto molti mestieri ma quello di bibliotecario era probabilmente scritto nel suo destino.

«Nel 1975, quando ero attivista politico alla facoltà di Architettura e Urbanistica a Buenos Aires fui arrestato insieme a molti compagni. Mi portarono nel carcere di Azul, con un regime carcerario abbastanza aperto. Ricevevo libri e perfino potevo organizzare riunioni di lettura, nella mia cella. Dal 24 marzo del 1976, con il golpe cambiò tutto. Fummo trasferiti a Sierra Chica, un carcere molto più duro: l’ora d’aria solo due volte la settimana, otto compagni a turno. Potevamo parlarci solo a gruppi di due.

Fu necessario aguzzare l’ingegno per inventare modi per comunicare, continuare la lotta. Cominciammo a usare le “caramelle”. Si scriveva sulle cartine per sigarette, le si piegava e foderava con nylon e infine le si sigillava col calore. Assumevano la dimensione di una caramella. In caso di pericolo potevano essere ingoiate.

In cinque, tra cui Juan Martin Guevara, il fratello del Che, formavamo la direzione del padiglione. Ci riunivamo per coordinare il comportamento da tenere con le guardie, scambiarci notizie che apprendevamo grazie alle visite e analizzare i problemi dei compagni con cui ciascuno si incontrava.

Il responsabile scriveva quattro caramelle, le  tirava fuori durante l’ora d’aria e  le faceva arrivare alle nostre finestre. Le leggevamo, raccoglievamo opinioni e le rimandavamo al coordinatore con lo stesso sistema. Alla fine lui faceva una sintesi delle posizioni e ce la rimandava. Ogni riunione durava da 7 a 10 giorni.

La cosa più incredibile avvenne dopo la prima ora d’aria.

Il compagno della cella accanto mi disse “Dove sei tu c’è la Biblioteca”. Cosa, dove, quale? Mi spiegò: era una biblioteca di caramelle, attaccate tra loro in una collana, come vari volumi di ciascuna opera. Libri “proibiti” in piena dittatura proprio nel carcere duro del regime, in parte costruita prima del golpe con aiuti da fuori, forse in previsione di quello che si sapeva stare per succedere.

 11006124_546571792112893_1211106291_n

Si trovavano nella stessa porta della cella. Imparai ad usarla. Il compagno della cella accanto si occupava di spiare se qualcuno veniva nel corridoio. Intanto toglievo la copertura dello spioncino, prendevo un lungo filo di ferro con in cima un gancio di caucciù, lo introducevo dentro la porta che era cava, nello spazio tra le pareti di legno a cui si accedeva attraverso la serratura. Così pescavo i libri. Durante l’ora d’aria li passavo agli altri che in seguito me li restituivano.

Tra quelli che ricordo c’erano grandi opere come “Stato e Rivoluzione” di Lenin, “Tradizione, famiglia e proprietà” di Engels,  “Il manifesto del Partito Comunista” di Marx, scritti del Che, di Ho Chi Min, “Le vene aperte dell’America latina” di Eduardo Galeano, un saggio sullo sfruttamento economico e umano subito dal Sudamerica negli ultimi cinquecento anni, documenti dei partiti, finiti fuorilegge.

Molte volte mi sono chiesto perché il caso abbia voluto che a quella cella rimasta vuota e a questa biblioteca che stava per chiudere per fallimento sia arrivato io».

Giorgio Secchi

Giorgio Secchi

Giornalista, ho lavorato in Ansa, Agi, Il Sole 24 ore, L’Espresso e Corriere della Sera. Ho scritto con Marco Cecchini ‘Il grande sboom’ (Etas Libri) sulla prima grande crisi globale dei mercati finanziari. Nel 1990 divento capo ufficio stampa Eni fino al ’94, per il quale ho realizzato e gestito il portale Internet, per poi restare responsabile della Cultura Eni fino al 2008. Responsabile del progetto per la celebrazione del centenario della nascita di Enrico Mattei, in collaborazione con il Piccolo Teatro. Docente di storia dell’impresa per la scuola di formazione Eni, ho tenuto lezioni sull’informazione e la comunicazione d’impresa alla Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano e al master in Management dello Spettacolo dello Sda Bocconi. Dopo questa frenetica attività professionale, ho iniziato a svolgere attività di consulenza in comunicazione strategica per società finanziarie e sono editor di libri, nonché autore del programma tv “Effetti personali” su La7. Nel 2011 ho pubblicato con Gloria Arbib “Italiani insieme agli altri, gli ebrei nella Resistenza in Piemonte” per Archivio Terracini. Attualmente vivo in Maremma, faccio vino, olio e zafferano biologici!
Giorgio Secchi

Ultimi Articoli di Giorgio Secchi (Vedi Tutti)


Tag: , , , , ,


Giorgio Secchi

Giornalista, ho lavorato in Ansa, Agi, Il Sole 24 ore, L’Espresso e Corriere della Sera. Ho scritto con Marco Cecchini ‘Il grande sboom’ (Etas Libri) sulla prima grande crisi globale dei mercati finanziari. Nel 1990 divento capo ufficio stampa Eni fino al ’94, per il quale ho realizzato e gestito il portale Internet, per poi restare responsabile della Cultura Eni fino al 2008. Responsabile del progetto per la celebrazione del centenario della nascita di Enrico Mattei, in collaborazione con il Piccolo Teatro. Docente di storia dell’impresa per la scuola di formazione Eni, ho tenuto lezioni sull’informazione e la comunicazione d’impresa alla Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano e al master in Management dello Spettacolo dello Sda Bocconi. Dopo questa frenetica attività professionale, ho iniziato a svolgere attività di consulenza in comunicazione strategica per società finanziarie e sono editor di libri, nonché autore del programma tv “Effetti personali” su La7. Nel 2011 ho pubblicato con Gloria Arbib “Italiani insieme agli altri, gli ebrei nella Resistenza in Piemonte” per Archivio Terracini. Attualmente vivo in Maremma, faccio vino, olio e zafferano biologici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti