Intercity 791. Ester Castano: cronista che scoprì la ‘ndrangheta nel milanese, oggi al bivio tra Burger King e 30 euro (lordi) ad articolo


Pensate a una ragazza appassionata di giornalismo. Immaginate che la stessa, colta da un grande senso di giustizia e mossa dai valori più nobili, decida che il suo futuro dovrà essere in Sicilia, terra d’origine della sua famiglia certo, ma soprattutto terra di mafia. Dove lei reputa indispensabile continuare quel percorso iniziato molti anni prima con l’associazionismo antimafia che seguì le stragi degli anni ’80 e ’90.

 
La giornalista Ester Castano
Ester Castano è nata in quel periodo. È vissuta nell’hinterland milanese: ricco, produttivo e, soprattutto, libero dalla criminalità. O almeno così si credeva e così narravano, fino a poco tempo fa, le Storie patrie. Una ragazza di ferro, “impegnata”, ma che di certo non pensava sarebbe toccato a lei, poco più che adolescente, sconfessare definitivamente il mito sacro dell’impermeabilità sociale lombarda ai fenomeni mafiosi. E invece, quasi per caso, si è trovata a scrivere dei boss che agivano a cento passi da casa sua. A Sedriano (Milano), non a Cinisi.
 
La storia inizia un giorno del 2010. Ester ha vent’anni, studia lettere alla Statale di Milano e scrive per un nuovo giornale locale, Altomilanese che si occupa proprio della zona Nord-Ovest dell’hinterland.
Fa domande, ha voglia di conoscere. Vuole sapere come vengono spesi i soldi del comune: perché, in pieno Ruby-Gate, il comune ha chiamato Nicole Minetti come madrina di un evento culturale, per esempio. Ma vuole anche sapere di chi sono quei beni confiscati nel suo Comune. 
Col tempo e facendo semplice attività di cronaca giudiziaria, scopre che a Sedriano la ‘ndrangheta è viva e vegeta. Fa affari con l’imprenditoria e con la politica. È una presenza forte che, oltre a chiudere affari milionari, vuole anche avere il controllo totale del territorio: per questo, si scopre, un’azienda vivaista ha preso un appalto per la cura del verde pubblico nel paese. Un affare da qualche migliaio di euro. Monetine per gente che ne muove a centinaia (di milioni).
 
L’ex Sindaco di Sedriano Alfredo Celeste. Oggi imputato nel processo sui rapporti tra politica e ‘ndrangheta in Lombardia
Le sue inchieste giornalistiche si muovono insieme a quelle degli organi inquirenti. Finché nell’ottobre 2013, sindaco, consiglieri e amici (troppo stretti) degli amici finiscono in manette. Il Comune viene sciolto per mafia: è il primo in Lomabardia. Ester viene celebrata e introdotta nei salotti della carta stampata. Premio Biagio Agnes, Premiolino, Premio Francese e Premio Giuseppe Fava. Colleziona, in poco tempo, una serie infinita di riconoscimenti. Ma il futuro rimane incerto. Lavorare da Burger King per uno stipendio minimo, ma sicuro? O continuare con il sogno di una carriera giornalistica che fin qui promette tanti grattacapi e una retribuzione da fame? La incontro in un bar non distante dal Municipio in questione.
«Con 20 euro medi a pezzo, non ci faccio granchè – mi dice sconsolata – vorrei prendere una casa in affitto, devo pagare l’assicurazione dell’auto; mi sono laureata e non ho voglia di continuare a chiedere tutto ai miei. È anche vero che sono stanca di apparire come l’eroina a cui tutto è dovuto. Non chiedo uno stipendio da manager e non sono particolarmente attaccata ai soldi. Sarei felice però, che tutti quelli che mi hanno consegnato premi, stretto la mano e posato con me sorridenti davanti ai fotografi, mi dessero un’opportunità, permettendomi di vivere dignitosamente con il mio mestiere. Ho mandato il curriculum in questo Fast Food… vedremo cosa succederà».
 
Ester Castano premiata da l direttore del Corriere Ferruccio De Bortoli
La nostra chiacchierata finisce con un “forse” senza zucchero. Gentilmente decide di accompagnarmi in stazione. Il tragitto è un continuo indicare l’azienda, l’abuso edilizio o la storia di qualche inchiesta andata a buon fine.  Ester è stanca, ma la passione è forte e non vuole mollare. «Credo che continuerò a scrivere e cavalcare il mio sogno. Antimafia –mi dice- significa anche questo».

Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti