Alla scoperta di: Muhammad Yunus

Lo chiamano «il banchiere dei poveri», ma è semplicemente un uomo che ha messo la sua professione a servizio degli altri, che in realtà è ciò che ognuno di noi dovrebbe fare con il suo lavoro e le sue competenze.

Muhammad Yunus è un economista e un professore universitario bengalese di economia.

A seguito di una forte inondazione, una grave carestia colpì nel 1974 il Bangladesh e Yunus, analizzando l’economia dei villaggi rurali colpiti, scoprì che la povertà di quelle persone non derivava dalla loro scarsa alfabetizzazione o dalla loro inattività, ma dal carente sostegno delle strutture finanziarie del paese. La difficoltà di accedere al prestito bancario a causa dell’inadeguatezza o della mancanza di garanzie reali o delle piccole dimensioni imprenditoriali, non consentiva a migliaia di famiglie di avviare e sviluppare le loro piccole imprese agricole, vitali per la loro sussistenza, senza finire nella rete dell’usura.

Yunus decise così di “sfruttare” l’economia per aiutare la popolazione bengalese: cominciò a prestare piccole somme di denaro (la prima fu di 27 dollari a un gruppo di donne che producevano mobili in bambù) alle famiglie e alle comunità rurali perché servissero ad attuare iniziative imprenditoriali. Era nato il microcredito moderno.

 art2

La sua opera prese sempre più piede, fino a che nel 1976 Muhammad fondò la Grameen Bank, la prima banca mondiale in assoluto che concedeva prestiti alle persone bisognose sulla fiducia e non sulla solvibilità!

Il successo della Grameen Bank si estese presto in molti altri paesi, anche con economie solide e avanzate e il modello del microcredito viene applicato in più di 20 paesi in via di sviluppo, con attenzione soprattutto alle imprese femminili, che più frequentemente sono destinate al sostentamento di tutta la famiglia.

Lo scorso 5 Giugno Yunus è stato premiato anche dalla prestigiosa rivista Forbes, ecco il video della premiazione e del discorso: youtube.

Il riconoscimento internazionale più prestigioso è però arrivato nel 2006, quando Muhammad Yunus ha vinto il Premio Nobel per la Pace e ha avuto così l’opportunità di far conoscere a tutto il mondo la realtà bengalese e di tutti i paesi in via di sviluppo.

 art3

Per ulteriori approfondimenti:

  • Yunus Muhammad, “Il banchiere dei poveri”, Feltrinelli, 2003.
  • Yunus Muhammad, “Un mondo senza povertà”, Feltrinelli, 2010.
  • Yunus Muhammad, “Si può fare! Come un business sociale può creare un capitalismo più umano”, Feltrinelli, 2012.

Bangladesh, economia, microcredito moderno, Premi Nobel per la Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Reg. Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
©2013 Pequod - privacy policy - admin - by Progetti Astratti