La casa è il vostro corpo più grande


La casa è il vostro corpo più grande. Vive nel sole e si addormenta nella quiete della notte; e non è senza sogni.

Kahlil Gibran

Accade, entrando in casa d’altri, di sentirsi partecipi di sfumature della personalità del nostro ospite mai incontrate prima; così come accade, aprendo la porta della propria casa, di accogliere l’altro in ambiti di noi stessi prima celati, i più personali e fragili. Gli ambienti in cui viviamo diventano spesso tele su cui dipingere il proprio autoritratto e in cui riconoscersi, su cui autoproclamare noi stessi.
Ma quando l’immagine di noi stessi è un riflesso incerto, cosa succede ai nostri muri, alle nostre stanze?
Entrando nelle case di chi ha votato la propria vita a una sostanza esterna a sé, vittime di dipendenze cui dedicano tutti i propri sforzi, si è investiti da una sensazione forte di contraddizione: accumulo e vuoto. Ammassi di soprammobili, riviste, indumenti, dischi, documenti, immondizia, stoviglie, libri sullo sfondo di muri che si sgretolano mangiati dalla muffa, armadi che crollano e si svuotano, porte che si scardinano. Uguali i loro occhi: pieni di vita, passato, ricordi; pieni soprattutto di vuoti, mancanze, perdite.

Sara Ferrari

Sara Ferrari

Nata e cresciuta nelle valli bergamasche a fine anni 80, con una gran voglia di viaggiare, ma poca possibilità di farlo, ho cercato il modo di incontrare il mondo anche stando a casa mia. La mia grande passione per la letteratura, mi ha insegnato che ci sono viaggi che si possono percorrere anche attraverso gli occhi e le parole degli altri; in Pequod faccio sì che anche voi possiate incontrare i mille volti che popolano la mia piccola multietnica realtà, intervistandoli per internazionale. Nel frattempo cerco di laurearmi in filosofia, cucino aperitivi e stuzzichini serali in un bar e coltivo un matrimonio interrazziale con uno splendido senegalese.
Sara Ferrari

Tag: , , , , ,


Sara Ferrari

Nata e cresciuta nelle valli bergamasche a fine anni 80, con una gran voglia di viaggiare, ma poca possibilità di farlo, ho cercato il modo di incontrare il mondo anche stando a casa mia. La mia grande passione per la letteratura, mi ha insegnato che ci sono viaggi che si possono percorrere anche attraverso gli occhi e le parole degli altri; in Pequod faccio sì che anche voi possiate incontrare i mille volti che popolano la mia piccola multietnica realtà, intervistandoli per internazionale. Nel frattempo cerco di laurearmi in filosofia, cucino aperitivi e stuzzichini serali in un bar e coltivo un matrimonio interrazziale con uno splendido senegalese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti