#FestivalCom – L’Italia di domani, già oggi


Con l’incontro dal titolo “Executive, cultura e classi dirigenti per l’Italia di domani”, si è conclusa la seconda giornata del Festival della Comunicazione, a cui hanno partecipato: Federico Ghizzoni, a.d. di Unicredit; Monica Maggioni, presidente della Rai; Mauro Moretti, a.d. di Finmeccanica; Ferruccio De Bortoli, presidente della casa editrice Longanesi.

Monica Maggioni ha iniziato affermando che «A un certo punto si è interrotto un meccanismo per formare la classe dirigente in Italia. Adesso le cose vanno meglio, ma prima l’atteggiamento dei giovani verso il futuro era sfiduciato».

La presidente della Rai ha anche affermato che per una vita nelle aziende pubbliche il criterio dell’anzianità veniva prima del criterio della competenza, ed ha causato «Un livellamento verso il basso».

Moretti ha continuato asserendo che «L’Italia si sta svegliando da un lungo sonno», stravolta da un grande cambiamento perché «Da sistema chiuso siamo diventati un sistema aperto in un contesto globale: o sei competitivo o non vivi». Moretti sostiene, giustamente, che in un impresa regolata dal buonsenso è normale che il migliore vada avanti, e così dovrebbe essere pure nel pubblico.

Ferruccio De Bortoli dice anche che le grandi imprese devono essere modelli per i giovani, e puntualizza che a volte «Si parla della storia del capo azienda, ma non dei valori dell’azienda», ma dice anche che c’è bisogno di cittadini in un paese dove la cittadinanza è un valore debole.

Secondo Ghizzoni «La nostra classe dirigente non è adeguata alle grandi rivoluzioni attuali. Bisogna formare una classe dirigente in grado di adattarsi a una velocità mai vista».

La sua ricetta per formare i giovani è la seguente: favorire l’apertura dei giovani al mondo e all’innovazione; responsabilizzarli; abituarli alla diversità.

Monica Maggioni ha continuato, dicendo di «Pensare a un servizio pubblico che costruisca un sistema culturale all’interno del paese, che racconti che la meritocrazia è un valore».

Ghizzoni ha poi voluto sottolineare che comunque non tutti i giovani sono spaventati dall’Italia, anche quelli che come lui sono stati per molto tempo all’estero, perché come lui non hanno «Dimenticato L’Italia».

Ferruccio De Bortoli infine ha chiuso augurando che si possa formare una classe dirigente all’altezza delle sfide, responsabile, etica, che sviluppi l’idea del rischio e capisca che «Il sacrifico è necessario e che ci si può risollevare dai fallimenti».

Alessio Scalzo

Alessio Scalzo

Sono cresciuto in Sicilia, nella terra di Pirandello e Sciascia, ma dal 2009 mi sono traferito a Milano.
Studio Lettere e sono il responsabile redazionale di Dudag srl (www.dudag.com), dove metto in
pratica le innovazioni che vorrei portare nel mondo dell’editoria. Da sempre leggo, scrivo e ascolto
musica per capire meglio il mondo e me stesso. Per Pequod mi occupo di attualità e cultura.
Alessio Scalzo

Tag: , , , , , ,


Alessio Scalzo

Sono cresciuto in Sicilia, nella terra di Pirandello e Sciascia, ma dal 2009 mi sono traferito a Milano. Studio Lettere e sono il responsabile redazionale di Dudag srl (www.dudag.com), dove metto in pratica le innovazioni che vorrei portare nel mondo dell’editoria. Da sempre leggo, scrivo e ascolto musica per capire meglio il mondo e me stesso. Per Pequod mi occupo di attualità e cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti