Ora e allora – Cosa rimane di EXPO 1906 a Milano


Milano città storicamente in movimento, negli ultimi anni è diventata un cantiere aperto, il motivo è Expo 2015, Esposizione Universale iniziata qualche giorno fa e verrà ospitata fino al 31 ottobre 2015, trattando il tema di “alimentazione e nutrizione” declinandola attraverso i 145 paesi partecipanti.

Ma concentriamoci sul passato, le esposizioni universali hanno avuto come prima edizione Londra 1851 e poi svariate edizioni nelle principali città del mondo, per cui data la grande importanza della città metropolitana italiana per eccellenza non si è dovuto ovviamente aspettare il 2015, la prima edizione dell’Esposizione Universale di Milano è stata nel 1906.

Edizione travagliata, inizialmente avrebbe dovuto svolgersi nel 1905, ma il ritardo dei lavori del traforo del Sempione fece slittare la data all’anno successivo, inoltre, nei primi giorni di Agosto del 1906 durante la manifestazione divampò un incendio nel padiglione della galleria d’arte decorativa italiana e ungherese che distrusse diversi tra edifici e padiglioni nelle vicinanze, in soli 40 giorni tutto dovette essere ricostruito e inaugurato nuovamente davanti alla presenza del re Vittorio Emanuele III.

Come location venne scelta l’area verde dietro al Castello Sforzesco, in questa occasione in omaggio al traforo il neonato giardino venne denominato di Parco Sempione. L’esposizione fu inaugurata il 28 maggio del 1906 e parteciparono ufficialmente 40 nazioni trattando il tema de “i trasporti”.

Vennero costruiti 225 edifici progettati dai più noti architetti dell’epoca, molti padiglioni vennero costruiti in stile liberty, seguendo la moda del tempo. I padiglioni vennero interamente smantellati, tranne uno, come abitudine per le esposizioni, che venne regalato alla città, l’Acquario Civico di Milano, edificio in stile liberty di fianco al Castello. Nulla da invidiare alla Tour Eiffel rimasta a Parigi  dopo l’esposizione del 1889 e lo Space Needle a Seattle nel 1962, speriamo che l’Albero della Vita godrà almeno della metà della notorietà del nostro splendido acquario!

Noi di Pequod vi porteremo indietro nel tempo e vi mostreremo quel che resta oggi di Expo 1906 a Milano.

 

Acquario Civico

[metaslider id=5278]

Parco Sempione e i Padiglioni

[metaslider id=5288]

Piazza Giulio Cesare, i Trasporti e le mappe.

[metaslider id=5306]

Martina Andrea Ponti

Nata con il botto del primo dell’anno 1991 a Milano, diploma di ragioneria-programmatore e una laurea in Scienze per la Comunicazione nel cassetto. Sogno gli Stati Uniti da quando ero piccola, la valigia è già pronta per volare oltreoceano e conquistarlo, magari diventare la nuova Lena Dunham o la versione femminile di Joss Whedon. Sto frequentando la magistrale in Scienze della musica e dello spettacolo. Su Pequod scrivo nella sezione Cultura e principalmente scrivo sulle serie tv, mia grande passione. Zaino sulle spalle, macchina fotografica in mano e cuffiette nelle orecchie vago per Milano alla ricerca della luce giusta e a volte collaboro per la sezione fotoreportage.
Martina Andrea Ponti

Tag: , , , , , , , ,


Martina Andrea Ponti

Nata con il botto del primo dell’anno 1991 a Milano, diploma di ragioneria-programmatore e una laurea in Scienze per la Comunicazione nel cassetto. Sogno gli Stati Uniti da quando ero piccola, la valigia è già pronta per volare oltreoceano e conquistarlo, magari diventare la nuova Lena Dunham o la versione femminile di Joss Whedon. Sto frequentando la magistrale in Scienze della musica e dello spettacolo. Su Pequod scrivo nella sezione Cultura e principalmente scrivo sulle serie tv, mia grande passione. Zaino sulle spalle, macchina fotografica in mano e cuffiette nelle orecchie vago per Milano alla ricerca della luce giusta e a volte collaboro per la sezione fotoreportage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti