#FesticalCom – Gianfranco MARRONE “ La stupidità consiste nel dover concludere”

Camogli.
Si apre con l’intervento di Gianfranco Marrone la seconda giornata del Festival della Comunicazione di Camogli: “Linguaggio della stupidità, stupidità del linguaggio”. Un exploit incisivo e curioso che attira la completa attenzione dei presenti: «Farò in modo che il punto interrogativo alle mie spalle sia più importante dell’esclamativo. Eviterò conclusioni e risposte e accentuerò l’importanza delle domande».
Esiste un nesso molto stretto tra linguaggio e stupidità, nessuno degli elementi potrebbe sussistere senza l’altro. L’intervento ripreso nel libro Stupidità suscitò due reazioni a caldo: di chi lo interpretò come testo per demonizzare la figura dello stupido e di chi, leggendo il libro si è sentì preso in causa in prima persona.
“Ma quanto sono stupido” autocompiacimento o autocritica?
Lo stupido è valutato positivamente. Stupidità è cool!

Si passa ad una fotografia contemporanea e folkloristica: deleghiamo alle macchine le cose che ci annoiano per investire il tempo libero in attività più divertenti. La tecnologia oggi si sviluppa rosicchiando alla dimensione umana una serie di spazi e azioni, dando vita al grande mito dello SMART, programmata per funzionare perfettamente, educa, compone, istruisce. Ma il punto centrale della questione mette in luce 3 problemi principali:
La tipologia, le diverse dimensioni
Il cretino a metà strada tra l’alienato e il clown (dimensione fisica); l’imbecille – ripreso dal Pendolo di Foucault di Eco – colui che sbaglia le regole della conversazione (dimensione sociale); lo stupido, definito come colui che fa errori di ragionamento (dimensione irrazionale, intellettuale); infine il matto, uno che delira, che procede per cortocircuiti (dimensione artistica). Sono tipi ideali, che nella realtà si confondono.
La storia
E i suoi mutamenti antropologici: “lo scemo del villaggio si scontra col fatto che il villaggio è diventato globale.”
La comunicazione
Che mette a fuoco la differenza teorizzata da Musil nel ’37, tra lo stupido solare – come l’olio buono di Paese per Sciascia – una stupidità onesta, schietta, riconoscibile, e lo stupido intelligente, il fallimento dell’intelligenza che si nasconde tra noi.

Ci avviamo verso la fine parlando di traduzione, di mancanza di consapevolezza dello stupido e chiedendoci..

In un mondo di stupidi forse nessuno lo è più (?)

featured, giornalismo, #Camogli, #Festival della COmunicazione, Gianfranco Marrone


Jennifer Engelmann

Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. 
Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno e, dopo aver navigato in mari bui e tempestosi, approdo a Pequod nel Marzo 2015 dove, dilettandomi tra arte viaggi e fotografia, divento responsabile eventi.
 Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Reg. Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
©2013 Pequod - privacy policy - admin - by Progetti Astratti