Ritratti di San Pietroburgo


A pochi passi dall’Ermitage, con la cattedrale di Kazan alle spalle, il cavaliere di bronzo domina la grande Neva, il fiume. A più di trecento anni dalla fondazione della città, Pietro il Grande, lo zar cui si deve la nascita di San Pietroburgo, sovrasta ancora l’antica capitale dell’Impero donandole eleganza, maestosità e un fascino davvero senza tempo.

L’antica Leningrado, o Piter, come la chiamano affettuosamente i russi, è affascinante in tutte le stagioni. Pequod ve la propone in alcune fotografie scattate a fine marzo, quando l’inverno la fa ancora da padrone, sebbene il timido sole che sbuca sempre più volentieri faccia presagire il disgelo imminente e l’inizio della primavera. La Neva è ancora ghiacciata, per strada c’è la neve, le donne pietroburghesi passeggiano con le loro pellicce, mentre gli uomini si riparano il capo con pesanti colbacchi.

Si intrecciano i passanti lungo il Nevskij Prospekt, il viale principale, si alternano luci, vetrine, palazzi e piazze fino ad arrivare all’Ermitage, con la sua facciata bianca e azzurra, così sfavillante da far socchiudere gli occhi per la luminosità che emana. Poi i corridoi e le sale interne del museo, una delle più grandi collezioni d’arte al mondo, così belle da lasciare senza parole. E all’esterno le splendide vedute sulla Neva, la fortezza di Pietro e Paolo che si scorge in lontananza, l’orizzonte piatto ed ampio della città vista dall’isola sul fiume.

Poi ci sono le cupole d’oro, tasselli fondamentali di qualsiasi città russa. La Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato, in cui l’oro si mischia all’azzurro, al verde e al bianco, in una serie infinta di decorazioni e dettagli che non si vorrebbe mai smettere di osservare. E ancora i canali, gli innumerevoli ponti, ognuno diverso dagli altri, che creano scorci indimenticabili. E poi la Russia, quella delle persone, fatta di chioschi che vendono tè caldo, sigarette e quotidiani, di sottopassaggi per attraversare immensi viali, di stazioni della metropolitana e di volti, fieri e segnati dal freddo e dal vento. E allora perché non entrare a riscaldarsi in un caffè, dove un pianoforte chiede di essere suonato?

Fotografie di Martina Ravelli

Margherita Ravelli

Nata nel 1989 ad ovest della cortina di ferro, dalla mia cameretta della provincia di Bergamo ho sempre guardato con curiosità verso est, terra dei gloriosi popoli slavi. Dopo aver vagabondato fra Russia, Ucraina e Polonia ho conseguito la laurea magistrale in lingua e letteratura russa, con una tesi sul multilinguismo e sulla multiculturalità nella repubblica russa del Tatarstan. Sono responsabile della sezione Internazionale di Pequod, oltre che redattrice occasionale per attualità, cultura e viaggi.

Latest posts by Margherita Ravelli (see all)


Tag: , , , ,


Margherita Ravelli

Nata nel 1989 ad ovest della cortina di ferro, dalla mia cameretta della provincia di Bergamo ho sempre guardato con curiosità verso est, terra dei gloriosi popoli slavi. Dopo aver vagabondato fra Russia, Ucraina e Polonia ho conseguito la laurea magistrale in lingua e letteratura russa, con una tesi sul multilinguismo e sulla multiculturalità nella repubblica russa del Tatarstan. Sono responsabile della sezione Internazionale di Pequod, oltre che redattrice occasionale per attualità, cultura e viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti