Da truccabimbi e babydance al teatro-gioco. Diritto al gioco guidato?

Nel novembre di 27 anni fa, l’ONU approvava la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia, riconoscendo a tutti i bambini del mondo il DIRITTO AL GIOCO. Dal testo della Convenzione:

Art. 31

  1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica.

  2. Gli Stati parti rispettano e favoriscono il diritto del fanciullo di partecipare pienamente alla vita culturale e artistica e incoraggiano l’organizzazione, in condizioni di uguaglianza, di mezzi appropriati di divertimento e di attività ricreative, artistiche e culturali.

In vent’anni sempre più attenzione si è rivolta al fanciullo e al suo tempo libero, la cui organizzazione è pensata oggi come fondamentale nella formazione educativa dei bambini. Di pari passo  si è vista una crescita esponenziale di associazioni, onlus e progetti indirizzati in questo senso e pronti alla collaborazione con gli enti scolastici. Ciò ha probabilmente dato una spinta propulsiva al riconoscimento di figure “nuove” all’interno delle scuole e delle stesse associazioni: l’animatore specializzato, lo psicomotricista, i tirocinanti di Scienze dell’Educazione, gli attori professionisti che portano avanti attività teatrali per l’infanzia e la gioventù.

gioco-4

Uno strato sociale che oggi sembra essere indispensabile nella dimensione formativa, che vuole l’interazione di soggetti educativi diversificati. Numerosissime sono le associazioni dedicate all’infanzia; nel territorio bergamasco, ad esempio, Airone Associazione dal 2003 propone attività atte alla stimolazione creativa della crescita educativa dei fanciulli: dai progetti scolastici artistico-motori, ai Centri Ricreativi Diurni (estivi e invernali); dalle attività extrascolastiche con laboratori riguardanti le arti, ai progetti di assistenza e terapia. Un approccio educativo, creativo e ricreativo è quello che si tenta di seguire in questi progetti: istituzionalizzazione del gioco?

gioco-2

L’associazione propone inoltre attività legate alla figura della babysitter e dell’ animatore specializzato, di quelli che animano le feste dei bambini di oggi. Svaghi come il truccabimbi, “sculture di palloncini”, ma anche le feste a tema con tanto di spettacolino teatrale, giochi musicali di gruppo e babydance. Tutti elementi ormai considerati essenziali per una qualunque festa che preveda uno spazio dedicato ai bambini.

Si parla in questi casi di gioco “guidato”: una tipologia di gioco in cui è la figura dell’adulto a proporre e guidare determinate attività, che abbiano degli obbiettivi specifici e/o pensati, studiati e legati al contesto in cui vengono svolti. Giochi apprezzati molto da insegnati, educatori e genitori, che riescono così più facilmente a gestire e orientare il tempo libero dei più piccoli; forse meno amati dai bambini, che chiedono spazi di gioco libero.

Il gioco guidato, che spesso si fonde con attività di tipo ludico-artistico, trova spazio nel mondo dell’arte, della musica, della danza e del teatro. L’educazione all’arte viene trasmessa sotto forma di percorsi guidati e specializzati. Sempre nel contesto bergamasco troviamo due esempi di questo tipo di progetti: Pandemonium Teatro e Erbamil.

Scuola di teatro comico sperimentale nata negli anni ’80, Erbamil dona un ampissimo spazio nelle sue energie al mondo dell’infanzia: percorsi ad hoc vengono proposti in relazione alla stimolazione della creatività, alla partecipazione e al divertimento, all’educazione all’ascolto e alla creazione di un piccolo e proprio lessico affettivo.

Pandemonium, Teatro d’arte contemporanea per le nuove generazioni, declama la propria attenzione per il mondo dell’infanzia già nella definizione che dà di sé. Le produzioni della compagnia e le rassegne proposte sono tutte rivolte a un piccolo pubblico che trova nel gioco del teatro un forte canale di educazione alla sensibilità.

Oggi si parla molto di educazione, obiettivi, attività, stimoli e orientamenti; si parla poco di libertà e spontaneità, di spazio lasciato alla creatività che proviene dal basso di quelle testoline esagitate. Al di là di come cambino le generazioni e i modelli educativi, io ripenso con nostalgia al pavimento che diventava un mare di lava e al “facciamo che io ero una principessa”.

featured, gioco1, truccabimbi, PandemoniumTeatro, Erbamil, educatore, Diritto al Gioco, babydance, Airone Associazione, gioco, animatore, teatro


Sara Alberti

Nata sulle colline bergamasche nel 1989, percuoto dall’età di otto anni, quando ho iniziato a studiare batteria e percussioni da orchestra nel Corpo Musicale Pietro Pelliccioli di Ranica (W la banda!). Dopo essermi barcamenata tra le varie arti, la Musica ha avuto la meglio e mi è valsa una laurea in Musicologia. Profondamente affascinata dal vecchio e dall’antico, continuo a danzare e suonare nella Compagnia per la ricerca e le tradizioni popolari “Gli Zanni” e per il mio grande amore balcanico Caravan Orkestar. Su questa nave di pirati sono la responsabile della sezione Nuove Premesse, della cambusa e della rubrica musicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Reg. Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
©2013 Pequod - privacy policy - admin - by Progetti Astratti