Black Puppet: l’innovazione video-producer tutta italiana che non ti aspetti

Siamo nel XXI secolo, la tecnologia avanza e sempre più impetuosa diventa virale; un’era all’avanguardia la nostra, orientata al futuro ma ancora succube di un passato imponente e aggressivo che disorienta e fa paura.

In questa realtà vacillante e precaria emerge il progetto Black Puppet, una casa di produzione video e service di figure professionali quali producer, operatori, montatori, autori e fotografi, nata dall’idea e dalla collaborazione di un gruppo di compagni universitari circa tre anni fa a Milano. Forti di una preparazione teorica incisiva e di una buona dose di tenacia, iniziano quella che poi diventerà loro carriera a tutti gli effetti con la produzione di cortometraggi, arrivando ad affermarsi nel mondo pubblicitario e della comunicazione.

FOTO 1

Una squadra organica e ben organizzata, ad oggi formata da quattro componenti: Luigi Vitiello, autore, sceneggiatore e montatore, un narratore forte della sua passione per ogni forma di racconto; Giuseppe Salerno meticoloso e tecnologico DOP, operatore e fotografo, occhio attento e perspicace del progetto; Martina Manoli, razionale e abile produttore esecutivo, ma anche amministrativa, manager e responsabile; Claudio Pastafiglia creativo regista, aiuto regista e operatore, coordinatore generale del set.

Una casa di produzione innovativa, tecnologica, più leggera che riesce, tramite tempistiche più veloci, a dimezzare le spese fisse ottenendo un risultato impeccabile.

Dalla breve intervista a Luigi Vitiello emerge una complicità unica, tangibile sul campo e vero caposaldo del gruppo, che li porta a collaborare anche ai progetti personali di ognuno e a manifestare la propria identità in progetti di terzi:  «In questo momento all’Istituto dei Ciechi a Milano c’è una mostra, Leonardo racconta il cenacolo, all’interno della quale è possibile ammirare in scala 1:1 la proiezione dell’ultima cena di Leonardo.

Ogni venti minuti il quadro viene sostituito da un breve documentario in cui un Leonardo moderno e accattivante ci spiega e commenta la sua opera. In questo caso la Black Puppet ha collaborato con il regista Maurizio Sangalli e con la sceneggiatrice Renata Avidano; Giuseppe si è occupato della ripresa mentre io (Luigi) ho fatto da aiuto regia e mi sono occupato del montaggio».

FOTO 3
Un inizio sperimentale quello di Black Puppet, diviso tra report, serate, spot, con una breve parentesi contest, passando per diversi documentari e arrivando a specializzarsi attualmente in spot web, brevi pubblicità virtuali dalla forte impronta virale veicolate dai più grandi social network.

La necessità e il desiderio di produrre in prima persona un’idea, un progetto, li porta ad aprire uno studio associato con partita IVA unica a gennaio 2015, grazie anche ai cambiamenti nella domanda di mercato in ambito comunicativo-pubblicitario, alla quale le case di produzione più affermate, abituate a fare prodotti televisivi con il vecchio assetto, non sono preparate.

FOTO 4
L’obiettivo più grande è l’affermazione nazionale e internazionale di Black Puppet, incrementando la produzione e il valore del lavoro svolto, con un piccolo grande sogno nel cassetto orientato al cinema.
Rimanere collegati è quindi d’obbligo.

featured, service, Renata Avidano, produzione video, MaurizionSangalli, Martina Manoli, Luigi Vitiello, Istituto dei Ciechi, Giuseppe Salerno, Claudio Pastafiglia, casa di produzione, Black Puppet, Milano


Jennifer Engelmann

Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. 
Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno e, dopo aver navigato in mari bui e tempestosi, approdo a Pequod nel Marzo 2015 dove, dilettandomi tra arte viaggi e fotografia, divento responsabile eventi.
 Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Reg. Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
©2013 Pequod - privacy policy - admin - by Progetti Astratti