Abacà, il bal folk all’italiana


Abacà (link) nasce nel 2012 quando Simona Cusmano e Chiara Dissegna, musiciste, amiche e (all’epoca) coinquiline, decisero di frequentare un corso di danze popolari per giostrarsi sulla pista da ballo delle varie serate di bal folkun tipo di danze popolari provenienti per la maggior parte dalla tradizione francese che, a partire dagli anni ’70 hanno iniziato a prender piede in tutta Europa e creando dei circuiti molto importanti per ballerini e musicisti. Il piacere per quest’atmosfera le fa guardare oltre il dancefloor, iniziano ad ascoltare i vari gruppi della scena per poi dire: «Ma questo possiamo farlo anche noi! Dai proviamoci!».

Questo gruppo ha qualcosa di più: dal brevissimo periodo di incubazione che li ha portati a partecipare e vincere importanti concorsi, alle trasferte Oltralpe, alle sonorità calde e avvolgenti che coinvolgono inevitabilmente il pubblico danzante. Tutti elementi che non sono sfuggiti all’occhio vigile di Pequod, sempre in cerca di nuovi, giovani e succulenti progetti.

L’originale organico di Abacà dona una sonorità e un timbro del tutto particolare già solo partendo dal clarinetto di Simona e dal fagotto di Chiara (una scelta praticamente obbligata). Spesso negli ensemble di musica popolare è previsto l’organetto diatonico ma «non ci faceva impazzire e abbiamo pensato alla fisarmonica di Diego Zanoli. Quindi serviva anche un altro strumento che accompagnasse», da qui le sei corde di Giovanni Trivella.

Il primo anno è stato una sorta di rodaggio: «Un anno abbastanza tranquillo, nel senso che dovevamo preparare un repertorio per coprire almeno due ore di concerto. Sono ambienti in cui non puoi fare un concerto da un’oretta scarsa, anzi! A volte si arriva alle tre ore. La gente non si stanca mai di ballare».

La difficoltà iniziale stava proprio nel cercare e arrangiare brani originali della tradizione, poi il fisarmonicista Diego ha iniziato a scrivere e ora gran parte del repertorio musicale di Abacà è composto da brani del tutto originali. Da qui l’idea della creazione del disco – uscito nell’estate del 2013.

10435412_419978438153887_3178091975093427706_n

Il gruppo ha suonato anche in Francia, in Spagna, in Germania e in Austria. Soprattutto in Francia è molto radicata e diffusa questa tradizione dell’uscire e andare a ballare questo genere di danze; in Italia si è mosso sicuramente qualcosa negli ultimi anni ma spesso «si preferisce chiamare un gruppo francese e quindi, paradossalmente ci apprezzano quasi di più all’estero».

Questo fenomeno delle danze popolari, tra bal folk e mazurke clandestine, è diventato qualcosa di molto radicato tra gli appassionati, soprattutto in nord Italia; attira moltissime persone anche per il fatto che si tratta di danze particolarmente semplici da imparare e, fattore non trascurabile, non è importante né essenziale avere un partner fisso. Spesso questi eventi sono organizzati in contesti suggestivi, cascine dal sapore antico, con una predilezione per tutto ciò che è bio, eco, genuino e semplice; avviene una sorta di riscoperta dei rapporti interpersonali grazie alla danza e alle nuove conoscenze che essa ti porta a fare in questi eventi.

10254032_370974716387593_5057076472339816220_n

Il futuro di Abacà è fitto di concerti, con la speranza di uscire al più presto con un secondo disco. Ricordate che ballare allunga la vita e mantiene giovani!

Sara Alberti

Nata sulle colline bergamasche nel 1989, percuoto dall’età di otto anni, quando ho iniziato a studiare batteria e percussioni da orchestra nel Corpo Musicale Pietro Pelliccioli di Ranica (W la banda!). Dopo essermi barcamenata tra le varie arti, la Musica ha avuto la meglio e mi è valsa una laurea in Musicologia. Profondamente affascinata dal vecchio e dall’antico, continuo a danzare e suonare nella Compagnia per la ricerca e le tradizioni popolari “Gli Zanni” e per il mio grande amore balcanico Caravan Orkestar. Su questa nave di pirati sono la responsabile della sezione Nuove Premesse, della cambusa e della rubrica musicale.
Sara Alberti

Tag: , , ,


Sara Alberti

Nata sulle colline bergamasche nel 1989, percuoto dall’età di otto anni, quando ho iniziato a studiare batteria e percussioni da orchestra nel Corpo Musicale Pietro Pelliccioli di Ranica (W la banda!). Dopo essermi barcamenata tra le varie arti, la Musica ha avuto la meglio e mi è valsa una laurea in Musicologia. Profondamente affascinata dal vecchio e dall’antico, continuo a danzare e suonare nella Compagnia per la ricerca e le tradizioni popolari “Gli Zanni” e per il mio grande amore balcanico Caravan Orkestar. Su questa nave di pirati sono la responsabile della sezione Nuove Premesse, della cambusa e della rubrica musicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti