Villa De Vecchi: solo una leggenda nera?


Esiste un cimitero silenzioso lontano dove riposa lo spirito di quei luoghi aridi e desolati rovine di un passato abbandonato a se stesso. Posti dimenticati, impossibili da nascondere, ma che nessuno guarda più. Palazzi, ville, chiese ridotte a cumuli di cemento e polvere, luoghi segnati da un tempo cinico che li ha usati denudati e poi, non contento, riposti in un angolo buio e freddo a deperire lentamente. Una forza inestimabile si cela dietro a tutto questo: le intemperie, l’umidità, l’incuria sono riusciti a rendere questi luoghi magici, a conservarne paradossalmente tutta la bellezza.

La nostra passeggiata odierna profumerà di malinconia tra gli archi, le porte e il pianoforte erosi di Villa De Vecchi, in Valsassina: due piani traballanti eretti su un manto verde, edera intrecciata a farle da coperta e un recinto malmesso che cerca invano di proteggerla; il camino e il pianoforte resi ancora più eterei dalle infiltrazioni solari padroneggiano fieri, le tracce di vandalismo e satanismo, distribuite su tutta la superficie, l’hanno ribattezzata La Casa Rossa, ma c’è una storia che ha poco a che vedere con streghe e fantasmi: la tenuta, costruita dal Conte Felice De Vecchi a metà Ottocento, era famosa per la polenta taragna cucinata dai Negri – la famiglia che per oltre 100 anni si è presa cura della Villa – ogni volta che gli eredi del Conte arrivavano in villeggiatura. A tenerne vivo l’onore oggi è Giuseppe Negri (figlio dell’ultimo custode) che vive ancora nelle vicinanze e cerca di mettere in ordine i ricordi con l’aiuto delle sorelle.

In questo luogo il tempo sembra essersi fermato al momento giusto, lasciando in eredità un passato perfettamente fossilizzato. Per sempre.

[metaslider id=5491]

Jennifer Engelmann

Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. 
Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno e, dopo aver navigato in mari bui e tempestosi, approdo a Pequod nel Marzo 2015 dove, dilettandomi tra arte viaggi e fotografia, divento responsabile eventi.
 Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.
Jennifer Engelmann

Tag: , , , , , , , , , ,


Jennifer Engelmann

Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. 
Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno e, dopo aver navigato in mari bui e tempestosi, approdo a Pequod nel Marzo 2015 dove, dilettandomi tra arte viaggi e fotografia, divento responsabile eventi.
 Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright ©2014 Pequod - Admin
Registrazione presso il Tribunale di Bergamo n. 2 del 8-03-2016
Made by Progetti Astratti